giovedì 24 aprile 2014

Creare con Linux una chiavetta USB per l'installazione di pfSense

Per installare pfSense esistono diversi modi, sicuramente quello più pratico consiste nell'avviare l'installazione da una chiavetta USB. L'uso della chiavetta USB consente di effettuare il boot su praticamente il 90% dei dispositivi, aggiornare e riutilizzare la chiavetta per ogni nuova release senza contare che potete portarla sempre con voi.
In uno dei primi articolo pubblicati sul blog avevo già affrontato l'argo spiegando come preparare in ambiente windows una chiavetta di boot (Creare una chiavetta USB per il boot e l'installazione di pfSense). In quest'articolo vedremo come fare la stessa cosa in ambiente Linux. La distribuzione utilizzata è Ubuntu 13.10.


Per prima cosa dobbiamo procurarci l'immagine di boot. Accediamo all'area di download del sito www.pfsense.com, scegliamo la versione a 32 o a 64 bit a seconda delle esigenze e dell'architettura a nostra disposizione. Selezioniamo l'immagine Live CD whit Installer (on USB Memstick). Come console io preferisco la VGA, ma anche in queto caso dipende molto dall'architettura della macchina.

Il file scaricato sarà un file gzip, procediamo aprendolo ed estraendo il file .img contenuto nel file gzip

Ora colleghiamo la nostra chiavetta alla porta USB ed eseguiamo l'applicazione Disks


Clicchiamo sul pulsante in alto a destra a frma di ruota dentata e selezioniamo Restore disk image...


Ora selezioniamo il file img precedentemente estratto dal gzip e clicchiamo su Start Restoring...





Molto probabilmente apparirà un warning che vi indica che l'immagine che state ripristinando è molto più piccola della chiavetta a disposizione, ma questo non è certamente un problema quindi procediamo con il restore.

Terminata quest'operazione che dura qualche minuto, possiamo disconnettere la nostra chiavetta USB e provare ad avviare un installazione.
Posta un commento